Corso di astronomia di base rivolto ai ragazzi da 6 a 13 anni

Corso di astronomia di base rivolto ai ragazzi da 6 a 13 anni

Sette affascinanti incontri per imparare a conoscere le stelle e scoprire la storia dell’universo per la prima volta rivolti ai giovani dai 6 ai 13 anni
al Planetario di Roma, da sabato 29 novembre a sabato 17 gennaio 2015.

Un invito ad esplorare il cielo per i tanti bambini e ragazzi che immaginano di poter viaggiare tra le stelle di una notte stellata. E per quelli che sognano di diventare astronomi o astrofisici e, magari, orbitare sulla Luna, su Marte e tra i corpi celesti che illuminano lo spazio.

A loro è rivolto il nuovo Corso di Astronomia “GIOVANI ASTRONOMI AL PLANETARIO” che, dopo il grande successo dei precedenti corsi per principianti “Il cielo dal Balcone”, è dedicato esclusivamente a giovani dai 6 ai 13 anni che vogliono dare un primo sguardo alle meraviglie del cielo attraverso esperienze multisensoriali.

Il corso è articolato in 7 avvincenti incontri di circa 50’, dal 29 novembre al 17 gennaio 2015, dalle ore 15.00 di ogni sabato pomeriggio al Planetario mobile di Roma – riproduzione itinerante della grande Cupola dell’Eur, ‘di base’ nella Sala del Consiglio di TECHNOTOWN, la ludoteca tecnologica scientifica di Villa Torlonia.

Il corso di Astronomia GIOVANI ASTRONOMI AL PLANETARIO è promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

Se lo studio dello spazio sembra difficile o limitato a libri e riviste specializzate, nel nuovo corso “GIOVANI ASTRONOMI AL PLANETARIO” si potrà quasi toccare il cielo con un dito e sperimentare quanto sia facile ed entusiasmante imparare il corso degli astri e la storia dell’universo.
I giovani curiosi del cosmo impareranno infatti ad orientarsi di giorno e di notte nel cielo e a riconoscere stelle e costellazioni. Scopriranno come nascono, si evolvono e muoiono il Sole, la Luna e tutti gli altri corpi celesti fino ad osservare direttamente e in prima persona, nell’ ultimo incontro, i corpi celesti in una notte stellata.

Sono diverse le metodologie: alla lezione frontale si affiancherà il gioco di ruolo condiviso e la visione reale del cielo. Si sperimenterà l’utilizzo di telescopi, astrolabi e orrery e, ancora, attraverso la macchina del planetario, si potrà viaggiare avanti ed indietro nel tempo e nello spazio. In programma anche laboratori pratici, per cimentarsi con la costruzione di strumenti di osservazione e di misura.

Il corso è stato ideato e realizzato da Gabriele Catanzaro, Giangiacomo Gandolfi, Stefano Giovanardi e Gianluca Masi, astronomi di Zètema Progetto Cultura con la supervisione del direttore Marcello Visca.

CALENDARIO

29 novembre   Orientamento e riconoscimento stelle
06 dicembre   Tipi di stelle
13 dicembre   La stella sole
20 dicembre   I pianeti
27 dicembre   La luna
10 gennaio   La vita delle stelle
17 gennaio   Osservare il cielo*
(*in caso di maltempo la data verrà aggiornata)

Per iscriversi contattare il call center 060608, tutti i giorni dalle 9 alle 21.
Per maggiori informazioni si potrà inviare una mail a info@planetarioroma.it

Le prenotazioni saranno attive fino al 28 novembre
Numero massimo partecipanti: 30 persone

Il costo totale del corso “Giovani Astronomi al Planetario” è di € 56 (non rimborsabili).
In caso restassero posti disponibili oltre la scadenza delle iscrizioni sarà possibile partecipare ai singoli incontri al prezzo individuale di € 10

Il pagamento della quota di iscrizione al corso dovrà essere effettuato mediante bonifico bancario

Dove: Sala del Consiglio di TECHNOTOWN, la ludoteca tecnologica scientifica di Villa Torlonia. Via Spallanzani

Lascia un commento

Noi amiamo i commenti costruttivi e ti ricordiamo che siamo un magazine non organiziamo direttamente gli eventi che trovi in questo sito
Non ci sono commenti! lascia un commento commenta questo articolo!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *