“Figli divorziati”:vissuti affettivi ed emotivi dei genitori e dei figli nella separazione

“Figli divorziati”:vissuti affettivi ed emotivi dei genitori e dei figli nella separazione

Siamo arrivati al capolinea! Non ne posso più…ma come si fa con i figli?

Generalmente sono queste le domande che i genitori in procinto di separarsi si pongono quando pensano al futuro e molto spesso passa molto tempo prima di arrivare ad una decisione definitiva non tanto perchè si prova a ricostruire qualcosa quanto perchè non si sa davvero cosa sia meglio soprattutto quando poi si hanno dei figli.

Il timore più grande per un genitore è far soffrire i propri figli a causa della separazione e questo chiaramente è comprensibile.
Paura, ansia e preoccupazione sono sicuramente dei denominatori comuni durante una separazione sia per i genitori che per i figli ma se adeguatamente affrontate possono trasformarsi in risorse per continuare comunque a far andar bene le cose.
Di fronte ad una coppia in procinto di separarsi o già separati il mio punto di partenza per un lavoro proficuo ed efficace è racchiuso in una semplice ma non banale frase:”si smette di essere una coppia ma non di essere dei genitori”e l’obiettivo finale quindi è proprio quello del buon funzionamento della coppia genitoriale.
Si resta responsabili comunque della crescita dei bambini anche quando non ci si sente più legati all’altro genitore o addirittura ne siamo diventati avversari.

Prima durante o dopo una separazione vi è tanta sofferenza, a vari e diversi livelli, per tutti i protagonisti della vicenda:genitori e figli. E tutti hanno il diritto di esprimere questo disagio o quanto meno di essere ascoltati.

Al di là dei motivi per cui ci si separa e di chi sia stato a prendere la decisione sia i genitori che i figli soffrono; successivamente devono poi abituarsi ad una nuova tipologia di vita fatta di ambienti e ritmi diversi.

Il primo messaggio che deve arrivare ai figli è che non sono loro i capri espiatori, che non ci si è separati a causa loro e che è stato fatto ogni sforzo per tenere in piedi l’unione.

La comunicazione e il dialogo con i figli, già importante a prescindere da una separazione, risulta ancora più indispensabile a seguito di questo evento perché hanno bisogno di avere risposte,conferme in un momento in cui le loro certezze sembrano vacillare; se non pongono domande rispettiamo il loro silenzio facendogli comunque sentire la nostra vicinanza.

La sofferenza va elaborata prima dai genitori e poi dai figli altrimenti si rischia di star vicino a loro carichi di tutte quelle emozioni proprie di una separazione: paura ,rabbia, livore,rancore e quant’altro e questo chiaramente nuoce alla salute emotiva dei figli.

Per rassicurare e dare conforto è necessario che per primo il genitore abbia rassicurato e confortato se stesso altrimenti si crea un circolo vizioso in cui chi dovrebbe trasmettere serenità è colui che invece costantemente non fa che alimentare sofferenza.
Per arrivarci è necessario però affrontare un percorso psicoterapeutico vissuto come spazio di conoscenza e consapevolezza di ciò che non ha funzionato nel rapporto e di comprensione delle proprie responsabilità.

La “strada” da percorrere è spesso tortuosa e faticosa ma capace di restituire integrità e completezza alla persona.

Solo dopo aver fatto questo “viaggio”generalmente si è pervasi poi da un senso di benessere e leggerezza che si ha finalmente il diritto di rivendicare e il piacere di provare.

E finalmente ci si sente capaci di trasmettere il benessere ritrovato ai propri figli.

La Dr.ssa Marta Falaguasta è a disposizione per rispondere a domande e dare consigli, clicca qui per accedere al modulo di contatto.

Lascia un commento

Noi amiamo i commenti costruttivi e ti ricordiamo che siamo un magazine non organiziamo direttamente gli eventi che trovi in questo sito
Non ci sono commenti! lascia un commento commenta questo articolo!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *