“LA VERITA’ SU BABBO NATALE”

L’arrivo del Natale è ormai prossimo e la maggior parte dei genitori con figli più o meno piccoli si trovano in difficoltà rispetto alle risposte da dare alle mille curiosità dei bambini sulla misteriosa figura di Babbo Natale.

Cosa è “giusto” raccontare ai propri figli?

A mio avviso, come in altre circostanze, non esiste un giusto o uno sbagliato e nella fattispecie è necessario andare oltre la figura di Babbo Natale per comprendere tutto ciò che c’è dietro l’immaginario di un bambino.

Babbo Natale è, nella loro fantasia, un vecchietto buono e generoso che porta doni a tutti i bambini del mondo senza discriminazioni e differenze. E questo, per una crescita sana e positiva, è un
valore molto importante da trasmettere ai nostri figli.

In una vita così frenetica e frettolosa credere all’esistenza di Babbo Natale significa pure imparare ad aspettare, ad avere pazienza per un qualcosa di magico e bello che sta per arrivare.
Ed arriverà prima o poi lo scontro con la verità e questo generalmente accade più o meno intorno ai 7-8 anni, fase in cui il pensiero razionale prevale su quello magico, infatti anche i loro giochi
cominciano a subire delle evoluzioni, si passa dai giochi di finzione a quelli più logici e razionali.

Ognuno di noi conosce la sensibilità dei propri figli. Se ponendoci sempre più spesso delle domande circa l’esistenza di Babbo Natale capiamo che cominciano ad avere dei forti dubbi e sono piuttosto scettici, è il caso di avvicinarli alla verità poichè in quel caso da noi cercano una conferma mentre se non fanno domande particolari è giusto rispettare i loro tempi e lasciarli ancora immersi nel mondo magico del Natale. Ci sarà tutto il tempo per scoprire in seguito la verità.

Un errore comune a molti genitori è quello di utilizzare, in questo periodo dell’anno, Babbo Natale come strumento per minacciare e punire i bambini nei momenti in cui non si comportano bene.
Un comportamento del genere non è affatto corretto poiché confonde e disorienta i bambini che, specie se piccoli, possono cominciare a sviluppare timori e paure rispetto a questa figura che per antonomasia è invece buona e generosa.

Perché “mettere in mezzo” un vecchietto dolce e buono nelle nostre conflittualità con i nostri bambini?
E’ davvero un comportamento inopportuno e inadeguato che oltre tutto avrà un effetto effimero e palliativo. La buona condotta non ha nulla a che fare con l’arrivo o meno di Babbo Natale.
Nel confronto con i nostri figli non dimentichiamoci mai di essere stati bambini anche noi!

Dott.ssa Marta Falaguasta Psicologa – Psicoterapeuta
Sito web
Albo degli Psicologi del Lazio n. 10691
Viale Parioli, 160
00197 Roma
tel. 0645472364

Rome Duck Store il negozio che vende solo paperelle di gomma

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.