“A Roma, Insieme” perché nessun bambino varchi la soglia di un carcere

“A Roma, Insieme” perché nessun bambino varchi la soglia di un carcere



Oggi vogliamo parlarvi di “A Roma, Insieme”, un’ Associazione di volontariato impegnata nelle politiche sociali della città che in particolare si occupa di migliorare la qualità di vita dei bambini figli di madri detenute che si ritrovano a vivere la realtà carceraria nell’età più delicata per lo sviluppo. La situazione di sovraffollamento delle carceri italiane è nota a tutti ma diventa ancora più penosa se si pensa che tra le tante detenute ci sono molti bambini.

A Rebibbia, nella sezione femminile vivono 380 detenute, a fronte di una capienza regolamentare di 290. Il 70% sono straniere e il 30% italiane, in gran parte finite in carcere per reati contro il patrimonio e per favoreggiamento. Rebibbia femminile detiene due tristi primati: è il più affollato d’Italia, e il primo, nel Lazio, per numero di madri detenute insieme ai loro figli. Dietro alle sbarre vivono da reclusi 14 bambini dai zero ai tre anni. Piccoli detenuti per nascita e non per colpa, che condividono spazi ristretti, giornate noiose e persino i malanni. I bambini di Rebibbia soffrono tutti delle stesse patologie: sono le malattie della reclusione, come le bronchiti e l’asma, dovute al fatto di vivere in spazi chiusi e poco areati oppure la miopia e la mancanza di visione tridimensionale, per non essere abituati a vedere a lungo raggio.

tratto dall’Articolo http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03/08/marzo-mamme-bambini-rebibbia/196134/

Da oltre diciassette anni l’Associazione “A Roma, Insieme” promuove e realizza progetti volti a limitare i danni del carcere sui bambini e ad aiutare le donne a gestire il rapporto con i propri figli durante la detenzione, favorendo il loro reinserimento sociale.

Le attività nascono dalla voglia da parte dei volontari di regalare momenti di gioia e normalità a questi bambini che si ritrovano a vivere una vita dietro le sbarre.
L’Associazione a questo scopo porta avanti diversi progetti: i “Sabati in Libertà”, uscite settimanali fuori dal carcere, per far vivere ai piccoli un giorno di vita normale, in ambienti frequentati da coetanei. I laboratori espressivi di Musicoterapia e Arteterapia, le conversazioni, il laboratorio  di scrittura per aiutare le madri a superare le difficoltà psicologiche dovute alla scarsa autostima e al vissuto carcerario e, in collaborazione con altre Associazioni di Volontariato, organizza momenti di gioco, magia, manipolazioni, spettacoli, che creano un clima più favorevole al rapporto madre-bambino e aiutano a trascorrere al meglio il tempo insieme.

Roma Dei Bambini ha preso a cuore l’attività di  “A Roma, Insieme” e quindi questa volta non vogliamo segnalarvi un evento ma il modo per collaborare e sostenere il lavoro dei volontari che cercano di rendere la vita dei “piccoli innocenti reclusi” più serena.
L’Associazione, per sviluppare ed estendere le sue iniziative di solidarietà e di impegno civile, ha bisogno di tutti coloro che possono sia offrire, come volontari, parte del loro tempo oppure, sostenerla attraverso un contributo economico.

“CHE NESSUN BAMBINO VARCHI PIÙ LA SOGLIA DI UN CARCERE”

Per maggiori informazioni visita il sito

Per il 5X1000

Associazione “A Roma, Insieme” Onlus presso:
BANCA Monte dei Paschi di Siena – AGENZIA N. 7 Via Tuscolana 316 Roma
Codice IBAN: IT 34 X 01030 03207 000002318743

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *